Qualche settimana fa è stato presentato il 25° rapporto annuale Comieco sulla raccolta differenziata di carta e cartone che conferma un ulteriore miglioramento della situazione italiana in termini di gestione dei rifiuti.

Cosa dice il rapporto? Focalizziamoci su due semplici numeri, il 3% di crescita della raccolta differenziata per carta e cartone su territorio nazionale e l’80% di riciclo dei materiali raccolti.

Questi dati ci raccontano dell’impegno sempre più efficace e presente dei cittadini italiani nel conferire correttamente i rifiuti così come richiesto dalle diverse amministrazioni e di una filiera del riciclo che, oltre a non essersi mai fermata (neanche durante il lockdown) è perfettamente in grado di gestire i volumi prodotti.

La raccolta differenziata va in ferie?

Nonostante i dati positivi riguardanti la raccolta differenziata in Italia è importante comprendere che non bisogna mai abbassare la guardia, neanche quando si avvicina il tempo delle vacanze.

Ricorda che la gestione dei rifiuti viene in ferie con te e, come ricorda la stessa Comieco, carta e cartone vanno correttamente conferiti anche in villeggiatura.

Da un lato questo passaggio è fondamentale per mantenere sempre attiva l’attenzione alla gestione dei rifiuti (cosa che ormai dovremmo aver assimilato), d’altro canto è importante che la filiera del riciclo non si fermi mai in modo da migliorare sempre di più l’impatto ambientale.

E’ singolare notare come la richiesta di attenzione avvenga proprio quest’anno, quando per via del Covid-19 il turismo italiano sarà quasi solo ed esclusivamente interno.

Circa il 45% degli italiani, pare, non rinuncerà alle proprie vacanze ma per via delle restrizioni, del budget o semplicemente del timore, si ritroverà “costretto” a farle in Italia.

Quindi quest’anno più che mai sarà necessario non mandare in ferie il rispetto dell’ambiente (insieme al nostro senso civico) e ricordarsi che anche nei villaggi, hotel, appartamenti o campeggi è necessario ricorrere alle buone pratiche legate alla raccolta differenziata.

Come eseguire una corretta raccolta differenziata in ferie

Non dimentichiamo che, nonostante l’Italia sia ai primi posti in Europa per riciclo di materiali cellulosici, è importantissimo che i numeri continuino a migliorare seguendo alcune poche e semplici regole. Anche in vacanza.

Innanzitutto dobbiamo sapere che le regole della raccolta differenziata possono variare da comune a comune per cui la prima cosa da fare è informarsi circa quelle vigenti nel luogo dove abbiamo deciso di trascorrere le nostre ferie.

Il conferimento dei rifiuti può differire per la suddivisione dei giorni, i materiali da individuare, la gestione della raccolta porta a porta oppure la tecnologia utilizzata per garantire il servizio.

Informarci correttamente ci permette di confermare la nostra attenzione nei confronti della comunità e contribuire a migliorare l’ambiente che ci circonda. 

Una volta appurate le regole da seguire nel comune che ci ospiterà per le vacanze estive è necessario applicarle quotidianamente come se fossimo a casa nostra, consapevoli che indipendentemente dal territorio, la raccolta differenziata è sempre un dovere.