Quante volte abbiamo parlato dell’impatto che la tecnologia ha avuto ed avrà nel settore della gestione rifiuti? Grazie all’esperienza maturata negli ultimi anni abbiamo contribuito alla creazione del Progetto Syrio, meglio definito come i “nasi intelligenti”.

Curioso di saperne di più? Ti facciamo una domanda: quante volte passeggiando per strada sei stato infastidito da eventuali miasmi? Il Progetto Syrio serve esattamente a questo, ad intervenire laddove siano presenti cattivi odori e sollecitare un intervento.

Smaltire i rifiuti maleodoranti? Con Syrio è possibile

Il naso intelligente di Syrio è stato uno dei 12 progetti presentati al Bioeconomy Day di settembre ed è il risultato del lavoro di ricerca e innovazione portato avanti da una decina di imprese toscane impegnate nella promozione dell’Economia Circolare, tra cui ovviamente noi di Ekovision.

Ma come funziona nel dettaglio? Syrio prevede l’installazione di una serie di sensori dislocati sul territorio che hanno come unico compito quello di monitorare le diverse zone della città per verificare la presenza di cattivi odori.

In aggiunta a questo abbiamo realizzato, inoltre, un portale all’avanguardia consultabile online sia dagli utenti che dai Comuni all’interno del quale è possibile segnalare in tempo reale i rifiuti o le zone dove è persistente un cattivo odore. 

Come se non bastasse è possibile visualizzare i report periodici e verificare le segnalazioni direttamente online su Google Maps, StreetView ed OpenStreetMap.

Lo studio di progetti articolati come Syrio è il risultato di una corretta sensibilizzazione verso l’economia circolare operata in Italia da tutte le aziende operanti nel settore della gestione rifiuti. Il “naso intelligente” di Syrio è l’essenza stessa di questa politica.

Ascolta cos’ha da dire il nostro Amministratore Delegato Paolo Cenderelli in questa intervista:

Il futuro è l’Economia Circolare

Ormai è chiaro a tutti: siamo di fronte ad un’emergenza ambientale che non possiamo più sottovalutare e per affrontarla correttamente è necessario un cambio di mentalità importante, una vera e propria rivoluzione culturale.

I pilastri dell’Economia Circolare si pongono esattamente questo obiettivo: stimolare la progettazione e la creazione di un sistema produttivo virtuoso che abbia come fulcro la sostenibilità ambientale.

Per riuscire ad operare correttamente in tal senso è fondamentale imparare a lavorare insieme, è necessario creare una sinergia tra operatori del settore rifiuti (sua pubblici che privati) in grado di promuovere la ricerca di nuove soluzioni tecniche in grado di migliorare la vita dei cittadini.

Il Naso intelligente si colloca perfettamente in questo contesto essendo il frutto di un grande lavoro di squadra portato avanti da diverse realtà che hanno saputo collaborare nel modo corretto integrandosi perfettamente tra loro.